Ilary Blasi Visto n. 42 2021

Star in the Star e il coraggio di Ilary Blasi, anche nell’insuccesso

Star in the Star chiude in anticipo

Star in the Star era nato sotto una cattiva stella. Il nuovo programma di Ilary Blasi era stato accusato di essere un mix tra due Tale e Quale Show e Il Cantante Mascherato con Milly Carlucci, agguerrita come sempre, a quanto pare pronta a far ricorso alle carte bollate contro il presunto plagio.

La prima puntata poi aveva scontentato tutti: critica (poco male), pubblico (cosa grave) e Mediaset (con Dagospia che sussurrava di un Piersilvio Berlusconi infuriato con la produzione per le somiglianze e la scarsa attenzione ai dettagli, sussurro mai smentito).

Da lì è stato un crescendo in negativo. Star in the Star è diventato un oggetto televisivo imbarazzante per Canale 5, difeso solo dalla sua conduttrice.

Le ultime due puntate

Ora, al momento di andare in stampa con questo numero di Visto, la notizia definitiva: il 7 ottobre va in onda la seminfinale, il 14 la finalissima. Due puntate in meno e poi tutti a casa. Con Star in the Star che finisce nel gruppo dei programmi TV mai decollati.

È la vita, è la TV. Quel che più conta, in tutto questo, è che Ilary Blasi ne esce comunque a testa alta. Probabilmente l’avere come compagno di vita uno sportivo come Francesco Totti le ha insegnato che quando ci si mette in gioco le cadute, gli insuccessi, i rovesci fanno parte del pacchetto.

Non a caso l’annuncio della chiusura anticipata è arrivato proprio da lei.

Come i grandi campioni, che dopo aver perso una partita non si rifugiano sul pullman della squadra, ma vanno in sala stampa ad affrontare i giornalisti e a dire apertamente: “Abbiamo perso, è anche colpa mia”.

Onore al merito alla capitana coraggiosa Ilary Blasi, che come ogni capitano che si rispetti affonda con la sua nave. Pronta a riemergere e a ripartire verso nuove avventure. Il talento non è acqua.

a cura di Carlo Faricciotti

Nessun Articolo da visualizzare