Successivo >
reazione a catena versione spagnola morte kobe bryant polemica

News

La versione spagnola di Reazione a Catena viene criticata: il motivo

Nicolò Figini | 22 Dicembre 2022

La versione spagnola di Reazione a Catena è stata molto criticate per il modo in cui ha menzionato Kobe Bryant

Critiche per la versione spagnola di Reazione a Catena

Dure critiche per la versione spagnola di Reazione Catena per la poca sensibilità con la quale è stata tirata in ballo la tragica scomparsa di Kobe Bryant. Ma andiamo con ordine. Il giocatore di basket ha perso la vita, insieme alla figlia di 13 anni, a causa di un incidente in elicottero. Questo, infatti, il 26 gennaio 2020 è precipitato per poi prendere fuoco. I soccorsi arrivati sul posto hanno purtroppo confermato la morte di tutti i passeggeri. La causa pare sia stata una fitta nebbia.

Fatto sta che in una delle ultime puntate della versione del game show che va in onda in Spagna alcuni giocatori abbiano riportato alla mente questo evento nel corso de “L’intesa vincente“. Come possiamo vedere dal video qui sotto, infatti, le squadre sono allo spareggio e devono pensare in fretta. La parola da indovinare è “elicottero“. I due ragazzi dietro formulano la frase: “Dove è morto Kobe Bryant?“. Il terzo risponde in maniera corretta e tutti insieme festeggiano.

Davvero molte, però, le critiche del web per quanto accaduto nella versione spagnola di Reazione a Catena. Tra i commenti leggiamo “ma che ca**o ridono” oppure “sensibili come dei cactus del deserto“. O ancora “Ca**o, la tristezza proprio” e “ma come ca**o si fa“. Insomma, questo fatto ha urtato la sensibilità di molte persone almeno in Italia. Non sappiamo con chiarezza quale sia stata la reazione degli spagnoli, ma quasi sicuramente in molti avranno scritto gli stessi commenti.

Per il momento non abbiamo altre informazioni a riguardo. Non sappiamo se siano stati presi dei provvedimenti in relazione a questo fatto. Nel caso in cui dovessero venire fuori ulteriori dettagli non esiteremo ad aggiornarvi. Seguiteci, nel frattempo, per non perdervi tante altre news.